“Valentina” il primo singolo di Sileo

“Valentina” il primo singolo di Sileo

Il 25 Giugno 2015 esce in radio e negli store digitali “Valentina” primo singolo di Sileo prodotto da Mogol e arrangiato al CET da Massimo Satta e Stefano Pettirossi.

Un singolo estivo e trascinante che non potrà tenerti fermo sotto l’ombrellone, ma inevitabilmente ti trasporterà in un’atmosfera fresca e colorata. Dove è impossibile non tenere il ritmo. E dove è impossibile non sorridere e ballare.

Perché Valentina è ovunque. Sotto ogni ombrellone. Ai bordi delle piscine. Anzi no, Valentina è la regina della piscina.

Ma quanto vale Valentina? “Lei è Vale, si Vale, ma Vale, non Vale…”. Quanto Vale Valentina? Questo è il vero dubbio amletico.

Tutti abbiamo incontrato e conosciuto Valentina, allora non perdere tempo, lasciati andare non rimanere “rimbambito e in coma” e segui il suo ritmo frizzante e assaporala come una bibita fresca.

Cerca Valentina quest’estate! “La puoi trovare tutti i sabato mattina, stesso ombrellone si trattiene fino a sera”,Valentina sarà la regina delle vostre Vacanze.

E ora non ti resta che scoprire quanto vale Valentina.

 

Sileo, all’anagrafe Giuseppe Sileo nasce l’11 gennaio 1988, vive e cresce in Basilicata.

Grazie alle borse di studio della Regione Basilicata frequenta i corsi presso il Centro Europeo

Toscolano (C.E.T) diretto dal Maestro Giulio Rapetti Mogol, prima come autore di testi con i docenti

Giuseppe Anastasi e Cheope, poi come compositore di musica leggera con il Maestro Giuseppe

Barbera e come interprete, con la docente Carla Quadraccia (Carlotta, interprete del successo

musicale “Frena”).

E’ ottimista, vede il bicchiere mezzo pieno nelle cose e sempre tutto a colori.

Gli piace raccontare storie, con genuinità ed ironia. Perché ridere fa bene al cuore.

Durante il suo ultimo corso al CET, la sua canzone “Valentina” viene notata dal Mastro Mogol e dei

produttori e arrangiatori Massimo Satta e Stefano Pettirossi e “Valentina” diventa così il suo primo singolo ufficiale.

silvestra sorbera

Lascia un commento