MUSART FESTIVAL FIRENZE: dal 14 al 27 luglio con BOLLE, BOLLANI, MANNOIA, CAPOSSELA

MUSART FESTIVAL FIRENZE: dal 14 al 27 luglio con BOLLE, BOLLANI, MANNOIA, CAPOSSELA

A pochi passi dal Duomo, in uno dei luoghi più seducenti del centro fiorentino che Bruno Zevi definì “prototipo della misura urbana rinascimentale”: piazza della Santissima apre alla musica e alla danza per il Musart Festival 2021, dal 14 al 27 luglio con Roberto Bolle, Edoardo Bennato e Orchestra della Toscana, Stefano Bollani, Luka Šulić, Fiorella Mannoia, Niccolò Fabi, Vinicio Capossela, Enrico Pieranunzi e tanti altri artisti.

Spettacoli, ma anche visite gratuite a luoghi d’arte, concerti pomeridiani in chiostri storici, per chiudere con l’ormai consueto concerto all’alba. Una formula, quella ideata dal direttore artistico Stefano Senardi (www.facebook.com/stefano.senardi), che in cinque anni ha richiamato pubblico da tutta Italia e oltre, porgendo un valore aggiunto all’offerta culturale della città.

Il sipario di piazza della Santissima Annunziata si alzerà sabato 17 luglio per il “Roberto Bolle and Friends”, gala di danza che vedrà protagonista l’Étoile dei due mondi e i suoi straordinari ospiti.

Da “Un giorno credi” a “Capitan Uncino”, a “Non farti cadere le braccia”. Brani che hanno segnato la carriera di Edoardo Bennato e il cantautorato italiano. E che riascolteremo lunedì 19 luglio, in versione sinfonica, nello concerto “Da Rossini al rock” che vedrà il cantautore partenopeo e la sua band – tra cui il fiorentino Giuseppe Scarpato alla chitarra – al fianco dell’Orchestra della Toscana.

Mercoledì 21 luglio spazio a Stefano Bollani e alle sue “Piano Variations on Jesus Christ Superstar”, progetto in cui il pianista toscano rilegge il celebre musical in versione strumentale, aggiungendo la sua indole e la straordinaria capacità d’improvvisazione: in solitudine e in assoluta libertà.

Giovedì 22 luglio, sempre sul palco principale di Musart Festival, tutto il talento di Luka Šulić, star mondiale del violoncello e co-fondatore dei 2Cellos, con un concerto speciale tra pop, rock e musica classica, accompagnato dall’enfant prodige del pianoforte Evgeny Genchev.

Venerdì 23 luglio Fiorella Mannoia tornerà al pubblico fiorentino, a pochi mesi dall’uscita del nuovo album “Padroni di niente”, otto brani che l’artista ha registrato durante il lockdown, tracce riflessive e intense che fotografano lo stato d’animo di Fiorella.

“Non è mai stato così difficile organizzare un tour… La cosa fondamentale è che quest’estate, finalmente, si suonerà”: parole – e musiche – di Niccolò Fabi, in concerto sabato 24 luglio con la sua rodatissima band.

Musart Festival si chiuderà lunedì 26 luglio con due eventi straordinari: alle 21,15 in piazza Santissima Annunziata, Vinicio Capossela presenterà, nel 700esimo della morte di Dante, “La bestiale comedia”, un viaggio nell’aldilà tra santi, creature mitiche, bestie, eroi e, soprattutto, peccatori. Poche ore più tardi, alle 4,45 nel Chiostro degli Uomini degli Istituto Degli Innocenti, il sipario di Musart calerà sulle note del pianista Enrico Pieranunzi, concerto all’alba.

QUELLO CHE NON SO, LO SO CANTARE – Come detto, al cartellone del palco principale di piazza della Santissima Annunziata, si affiancheranno altri eventi, realizzati in collaborazione con Publiacqua.
Il Chiostro degli Uomini dell’Istituto degli Innocenti ospiterà la rassegna “Quello che non so, lo so cantare” (ore 21,15): mercoledì 14 luglio serata anteprima insieme a Paolo Benvegnù e al suo “Ventinove Tour” in cui rivisiterà, in chiave acustica, alcuni suoi brani più noti; giovedì 15 luglio Ginevra Di Marco rielaborerà l’album capolavoro “Canti, richiami d’amore” in ricordo dell’amico e collega Erriquez Greppi. Domenica 18 luglio due voci femminili sospese tra melodia e rock, Serena Altavilla e Giulia Pratelli: in primo piano l’esordio da solista di Serena Altavilla, “Morsa”, e il nuovo corso di Giulia Pratelli inaugurato con il singolo “Luglio”. Martedì 20 luglio Marco Parente presenterà il nuovo album “Life”.

ADESSO TOCCA A ME – “… E adesso tocca a me” è la rassegna che, al tramonto (ore 18,45), porterà sul palco i “session-men”, musicisti, arrangiatori, compositori che affiancano da anni i big della musica d’autore e del pop. Appuntamento alle ore 18,45 al Chiostro di Levante dell’Università degli Studi di Firenze, altro secolare spazio prestato al Musart Festival. Inaugureranno mercoledì 21 Tiziano Barbieri (contrabbasso) e Mimmo Turone (piano), storici collaboratori di Paolo Conte. Giovedì 22 sarà la volta di Angelo Trabace, già al pianoforte con Dimartino, Vasco Brondi, Francesco Bianconi: tra ricerca, nuovo folk e pop d’autore. Seguirà venerdì 23 luglio il live di Pietro Cantarelli, compositore, produttore e arrangiatore di lungo corso oltre che collaboratore di Tosca, Ornella Vanoni, Samuele Bersani… Ancora al Chiostro di Levante, sabato 24 Mirko Onofrio (sax, clarinetto…) e Stefano Amato (violoncello), già colonne di Brunori Sas, mentre domenica 25 luglio a risuonare sarà il theremin di Vincenzo Vasi, storico collaboratore di Vinicio Capossela.

silvestra sorbera

Lascia un commento