MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI lancia “LA COLLANA NUMERO ZERO DEL MEI”

MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI lancia “LA COLLANA NUMERO ZERO DEL MEI”

Per la prima volta il MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, che si terrà il 1°, 2 e 3 ottobre a FAENZA (Ravenna) per la sua 26esima edizione, presenta in occasione del Record Store Day del 17 luglio “LA COLLANA NUMERO ZERO DEL MEI, un’esclusiva linea di musicassette che contengono eventi live inediti che hanno lasciato un segno nella storia della musica indipendente!

 

Sono disponibili, in tiratura limitata di sole 100 copie, le prime due musicassette “OMAGGIO A RIZ ORTOLANI” E “NAPULE’S POWER”, che omaggiano e recuperano alcuni grandi eventi dal vivo e che celebrano la storia del nostro paese.
È possibile preordinare queste imperdibili musicassette esclusivamente sul sito di Discotecalaziale (www.discotecalaziale.com/focus/in-musicassetta-numero-zero) e sul sito del MEI ( www.meiweb.it).

 

OMAGGIO A RIZ ORTOLANIcontiene un live di grande successo, che il Maestro Ortolani eseguì a Tokyo nel 1982, con brani immortali come Mondo Cane, Tuareg, Africa Addio e tanti altri.
“NAPULE’S POWER”, che esce insieme all’omonimo libro di Renato Marengo, contiene live inediti di Napoli Centrale, Rino Zurzolo, Showmen, Tony Esposito, Osanna, Balletto di Bronzo e Popularia. L’intento è riportarci alle radici del sound napoletano di 50 anni fa che ha conquistato il mondo.

La Collana Numero Zero del MEI continuerà ad arricchirsi con altre edizioni imperdibili che racchiuderanno importanti momenti della storia della musica indipendente italiana.

 

Il MEI, che quest’anno è dedicato ai 40 anni dalla scomparsa di Rino Gaetano, al quale dedicherà una speciale Figurina realizzata da Figurine Forever per una raccolta fondi a favore della Fondazione Meyer, continua a sostenere le realtà indipendenti italiane e durante questa edizione presenterà al pubblico “ITALIANA MUSICA ARTIGIANA” di Gianluca Fiorentini, la nuova etichetta discografica ed editoriale nata nel 2019 con l’intento di intraprendere un percorso musicale d’autore seguendo l’esempio delle storiche etichette indipendenti italiane e prendendo spunto e raccogliendo l’eredità della storica IT di Vincenzo Micocci.

 

Italiana Musica Artigiana si dedica in primis a nuovi artisti che credano nella costruzione di una carriera duratura e solida e a produzioni nascoste o poco conosciute di grandi artisti nazionali (progetto “La Canzone nel Cassetto”). Inoltre, questa etichetta segue e produce anche realtà̀ interessanti che riguardano i nostri confini linguistici e dialettali, parte integrante e importantissima della nostra cultura.

 

Fin dalla prima storica edizione, il MEI,  la manifestazione, fondata e diretta da Giordano Sangiorgi, è stata la piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri Diodato, Afterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Pitura Freska, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Brunori Sas, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax, e tantissimi altri ) e ha premiato emergenti oggi considerati punte di diamante della nuova scena artistica del nostro Paese (come Ermal Meta, Fulminacci, Lo Stato Sociale, Ghali, I Cani, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Colapesce, Cosmo e tanti altri). Tanti sono stati anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come ad esempio Daniele Silvestri che nel 1997 allestì un suo stand espositivo e più recentemente i Maneskin, che al MEI di Faenza hanno realizzato una delle loro primissime e uniche esibizioni in un festival indipendente fuori da Roma. Durante i suoi 26 anni di attività il MEI, con le sue edizioni ufficiali insieme alle tante edizioni speciali (a Bari, Roma e in altre città), ha registrato un totale di 1 milione di presenze, la partecipazione di 10mila artisti e band dal vivo, 5mila realtà musicali coinvolte in expo e convegni e 1000 giornalisti (più di 100 dal resto d’Europa) che hanno parlato del MEI contribuendo a renderla la più importante vetrina della nuova e nuovissima musica italiana. Anche quest’anno il MEI trasformerà Faenza per tre giorni in una vera e propria città della musica con concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre, affiancati da una parte espositiva rivolta agli operatori della filiera musicale con l’obiettivo di sostenere la crescita e la diffusione di una cultura musicale indie ed emergente. Verranno premiate le migliori realtà indie italiane grazie al circuito di AudioCoop, che rappresenta circa 200 piccole etichette discografiche indipendenti italiane, e saranno presenti, unico caso in Italia, i vincitori di oltre 100 festival e contest per emergenti provenienti da tutta la penisola e selezionati da AudioCoop, coordinamento etichette indipendenti, dalla Rete dei Festival, dal circuito di AIA – Artisti Italiani Associati, insieme a La Squadra per la Musica, il programma in oltre 150 radio Classic Rock on Air,  mentre main sponsor saranno Comune di Faenza, Regione Emilia-Romagna, La Bcc Ravennate Forlivese e Imolese, e l’AFI, l’Associazione Fonografici Italiani.

 

 

silvestra sorbera

Lascia un commento