Jack degli The Starlighters: ” In noi ha influito il potere di socializzazione siciliana” | Gocce di spettacolo

Jack degli The Starlighters: ” In noi ha influito il potere di socializzazione siciliana”

Per il numero di chiusura di questo 2018 parliamo un po’ con Jack degli The Starlighters
Jack & The Starlighters, iniziamo dla nome. Perchè lo avete scelto?
«Ispirandoci a uno dei film preferiti della band: “Ritorno al futuro”. La band del ballo
di fine anno si chiamava Marvin Barrye and the starlighters».
Siete palermitani. Quanto la Sicilia ha influito sul vostro genere musicale?
«Più che la sicilianità, ha influito il potere di socializzazione siciliana che abbiamo.
Per esempio, prendiamo un personaggio come John Travolta o Bon Jovi o Steven
Tyler. Loro sono di origine siciliana. E la loro sicilianità viene espressa in modo
significativa in tutte le forme di palco del mondo. Anche se cambia la lingua».

Il vostro singolo, La gitana, racconta di una storia d’amore. Che tipo di amore è?
«Come tutti gli amori, nascono dall’impossibilità di avere l’essenza che più desideri al
mondo. In questo caso una donna. Quella donna è oggi mia moglie. Che mi ha dato il
mio regalo più grande: mio figlio Claudio. Tutta questa tempesta di desideri mischiati
a emozioni, hanno sviluppato e tradotto in musica e parole La Gitana».
Come mai avete scelto uno stile etno-folk?
«Di fatto è l’unico brano etnofolk in un singolo, all’interno di un disco che sarà quasi
totalmente rock e che uscirà nel 2019».
Le tradizioni popolari rientrano nel vostro progetto?
«Se parliamo di quelle siciliane no. Se parliamo di quelle internazionali, ogni testo è
permeato da tradizioni popolari».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Amazon Prime