Francesca Agostini, dal camice alla divisa | Gocce di spettacolo

Francesca Agostini, dal camice alla divisa

Francesca Agostini si racconta tra la giovane Lara della fiction L’Allieva e il suo nuovo personaggio in Squadra Mobile 2.

Francesca ci racconti del tuo personaggio ne L’Allieva?

Lara è una specializzanda in medicina legale. È lei che introduce Alice nell’istituto,che le fa conoscere i colleghi, e che le svela segreti e pettegolezzi. É sempre lei che salva Alice dalle difficoltà soprattutto con La Wally e con Malcomes. Ad una festa incontra e si innamora subito del fratello di Alice, Marco, purtroppo non corrisposta..viene invece corteggiata senza pietà dal nuovo medico arrivato in Istituto: Paolone. Con cui instaurerà un rapporto molto stretto.

Che esperienza è stata?

È stata una conferma e un rinnovamento di rapporto con il regista Luca Ribuoli, che mi aveva già diretta in Grand Hotel. Il gruppo era fantastico e mi sono divertita molto grazie soprattutto alla libertà che Luca da agli attori di giocare senza paura. Con Emmanuele Aita (alias Paolone) c’è stata grande complicità, dovuta in particolare al fatto che ci conosciamo da anni e che abbiamo fatto il percorso di studio da attori insieme al Teatro Stabile di Genova per cui quello che ci contraddistingue è un linguaggio comune oltre ad una bella complicità anche nella vita.

Ti vedremo anche nella seconda stagione di Squadra Mobile. Che ruolo avrai?

Nella seconda stagione di Squadra Mobile interpreto Daria Tagliavia. Una poliziotta indagata per aver favorito la fuga di Sabatini dall’ospedale. Un personaggio ambiguo, che viaggia sempre sul filo del rasoio.

Se non avessi fatto l’attrice ti saresti sentita più a tuo agio con il camice o con la divisa?

Nè con il camice nè con la divisa probabilmente..amo troppo la possibilità di vestire panni ogni volta diversi.

Ci sarà una seconda stagione di “Grand Hotel”?

Purtroppo sappiamo da tempo che non ci sarà una seconda stagione di Grand Hotel.

I tuoi progetti teatrali?

Per il momento sono impegnata al Teatro della Corte, a Genova, con “la Cucina” di Arnold Wesker per la regia di Valerio Binasco, ancora fino al 6 Novembre. E sono molto felice. Ps: c’è anche Paolone nel cast. Venite a trovarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Amazon Prime