Faenza, Primo Maggio per i diritti degli artisti emergenti | Gocce di spettacolo

Faenza, Primo Maggio per i diritti degli artisti emergenti

E’ ora che ci sia anche un Primo Maggio per i Diritti dei Musicisti e degli Artisti. Oggi la nuova musica conosce gravi difficolta’ economiche per poter emergere: la crisi, che ha ridotto la spesa per gli eventi dal vivo, la globalizzazione, che ha tolto risorse agli enti, alle aziende e alle famiglie, che tagliano le spese nel settore cultura e spettacolo, le innovazioni tecnologiche, che hanno drasticamente ridotto il mercato del disco fin verso il suo esaurimento, sono tutti elementi che impediscono la crescita di nuove leve della musica del nostro paese (e non solo).

Se a cio’ si aggiunge che sono necessari equi salari per i produttori dei contenuti da parte delle piattaforme on line, che trattengono gran parte delle risorse per se’, che serve una ripartizione sui diritti sempre piu’ analitica, digitale e trasparente a favore dei giovani e piccoli protagonisti della nuova filiera musicale, che serve una maggiore presenza sui media principali in radio e tv a tutela delle produzioni Made in Italy e degli esordienti, che serve un’Enpals più agile e attenta ai nuovi artisti, che si sommano, tutte queste cose, a tanti altri problemi ancora piu’ spicci, possiamo dire che ci troviamo di fronte ad un problema di grande portata: il rischio di vedere erodersi piano piano la ricca e vitale filiera dei contenuti culturali musicali dell’innovazione e della creatività giovanile del nostro paese che sembra non avere un futuro dal punto di vista economico visto il calo costante di investimenti e di non vedere rinnovata con la spinta che serve la nuova piattaforma musicale 2.0 del nostro paese causa anche il monopolio della distribuzione on line gestito da pochi marchi multinazionali mentre servirebbe con urgenza un motore di ricerca europeo, piattaforme europee e made in Italy capaci di contrastare tale concentrazione che rischia di fare sparire le culture regionali, come quelle dei paesi periferici nel business della musica, e le produzioni di nicchia alternative e innovative.

Per questo a Faenza, la capitale del MEI, che ha festeggiato i 20 anni, e che tornerà con il #nuovoMEI2015, che si terrà dal 1° al 4 ottobre nella città manfreda, nasce il primo Primo Maggio per gli Artisti Emergenti per equi salari, eque ripartizioni ed equi diritti, in occasione dell’uscita della compilation Mei 2.0 Emergenti 2015, uscita lunedì scorso, con ben 34 artisti emergenti di grande qualità.

Sul palco del Primo Maggio per i Diritti degli Artisti Emergenti che si terra’ a Faenza in Piazza del Popolo dalle ore 16 alle ore 20 suoneranno tanti nuovi talenti della nuova musica emergente italiana: Vinsanto,  alias il cantautore Bruno Orioli già al lavoro con Mirco Mariani di Saluti da Saturno, che ha appena fatto uscire il suo primo album da solista, Piccoli Animali Senza Espressione, i nuovi Virginiana Miller toscani, la cantautrice Carola Moccia, presentata recentemente a Gazebo su Rai 3,  Il Terronista, alias Diego Capece con sue ballate sudiste straordinarie, il cantautore torinese Cosimo Morleo, la nuova voce ligure di Idhea, i ravennati MoMa e il gruppo di “recupero sociale”, attraverso la musica, tutto faentino dei Sorci Verdi & Friends guidati dal chitarrista Paolo Giovannini. E inoltre ancora Tizio BononciniGregori PecDavide Pagnini, Il Vaso di Pandora, Simone Laurino, Riki Anelli e Miss Patty Miss & the Magic Circle e tanti altri ancora. L’ingresso è libero e aperto a tutti.

Ci si ritrova alle ore 15 in Piazza del Popolo a Faenza e la musica partira’ dalle ore 16 con il patrocinio di Cgil, Cisl e Uil a sostegno delle richieste di maggiori diritti per i giovani lavoratori del settore musica, un comparto che rappresenta oltre 250 mila lavoratori che ogni giorno sono sempre piu’ precari e ogni giorno sono sempre piu’ a rischio della loro professionalita’ e in calo occupazionale costante e con poche prospettive per i giovani che si affacciano su questo importante mestiere creativo non delocalizzabile.

Durante la giornata saranno promosse a favore dei giovani le iscrizioni gratuite alla Siae per i giovani autori ed editori under 30 e le start up editoriali, un primo segnale a favore di una politica di sostegno ai giovani creativi del settore musicale. Ci sara’ un punto di ristoro e aree espositive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Amazon Prime