Mostre | Gocce di spettacolo

Category Archives: Mostre

Siracusa – “Cynara”, dal 22 giugno al 13 luglio personale di Giuseppe Bombaci alla galleria Quadrifoglio

Dal 22 giugno al 13 luglio la galleria Quadrifoglio arte contemporanea di via Santi Coronati 13 a Ortigia ospiterà una personale di Giuseppe Bombaci dal titolo “Cynara”, a cura di Mario Cucè (inaugurazione sabato 22, ore 18,30).

Giuseppe Bombaci si è formato artisticamente tra Siracusa, sua città natale, Firenze e Milano, dove è stato allievo e poi assistente di Alberto Garutti e Giuseppe Maraniello all’accademia di Brera. Dal 1998, anno del suo debutto in pubblico a Siracusa, ha partecipato a numerose e qualificate collettive e personali, in gallerie private e in sedi istituzionali. Vive tra Siracusa e Milano.

“Ghraphein”, in mostra a Noto (SR) capolavori della grafica da Burri a Fontana e a Picasso

Trentasei opere su carta firmate dai grandi maestri del Novecento, in un’affascinante mostra che ripercorre le tappe dell’innovazione artistica nella grafica e nella tecnica incisoria nella seconda metà del secolo scorso. “Ghraphein. Carte da una collezione privata”: è il titolo della mostra allestita fino al 16 agosto nel Museo civico Gagliardi (Palazzo Trigona), in via Cavour 91. Il percorso espositivo comprende opere di Afro Basaldella, Pierre Alechinsky, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Pietro Consagra, Pietro Dorazio, Lucio Fontana, Victor Pasmore, Pablo Picasso, Giò Pomodoro, Giuseppe Santomaso, Toti Scialoja, George Segal, Graham Sutherland, Jiri Anderle e Safet Zec. La mostra, allestita con successo a Milano nel 2017, è curata da Angelo Del Grande e Ciro Salinitro della Galleria Sudestasi contemporanea (Ragusa) che l’ha organizzata in collaborazione con il Comune di Noto.

FIUMARA D’ARTE – L’ERESIA INVISIBILE DELLA BELLEZZA AL RITO DELLA LUCE 2019

L’appuntamento con l’Eresia invisibile della Bellezza, il messaggio di ammonimento critico alla nostra contemporaneità lanciato da Antonio presti per il Rito della Luce che si svolgerà dal 21 al 23 giugno tra l’Atelier sul Mare Museo albergo di arte contemporanea di Castel di Tusa, la Piramide 38° Parallelo di Motta d’Affermo e gli altri luoghi della Fiumara d’Arte, si arricchisce della partecipazione di artisti di caratura internazionale che saranno il respiro del pensiero lanciato dall’artista siciliano.

“artSTREET”, Tancredi Fornasetti e Jos Diegel “ospiti” a Pietralata per i mesi di giugno e luglio

Ribaltando il concetto di streetart vogliamo definitivamente prendere le distanze da quella pratica obsoleta che nasce per strada e finisce nei circuiti istituzionalizzati delle gallerie e dei musei di tutto il mondo. La artstreet è rivoluzione, novità e nuova Bellezza. Non portiamo l’arte in strada, ma trasformiamo la strada in opera d’arte”. Con queste paroleGio Montez dà il via ad artSTREET, programma di residenze e interventi urbani che si svolgerà presso Atelier Montez, nella storica periferia di Roma Pietralata, nei mesi di giugno e luglio 2019.

FIUMARA D’ARTE – IL RITO DELLA LUCE 2019

Dopo un anno dedicato al silenzio in cui non si è compiuto se non nella memoria di chi lo ha vissuto negli anni precedenti, torna in Sicilia il Rito della Luce di Antonio Presti.

L’appuntamento, che vedrà protagonisti oltre 300 artisti, è in programma dal 21 al 23 giugno nei luoghi che da sempre hanno contraddistinto la Fiumara d’Arte in provincia di Messina: l’Atelier sul Mare di Castel di Tusa, che con le sue stanze d’arte incanta visitatori di tutto i mondo e la Piramide del 38° Parallelo di Motta d’Affermo, il luogo in cui si svolge il Rito della Luce al solstizio d’estate.

Far above the moon”, dal 4 al 21 giugno la mostra su David Bowie, a 50 anni da Space Oddity

David Bowie vive ancora. Quell’alieno caduto sulla Terra, come accaduto nel film “L’uomo che cadde sulla terra”, diretto da Nicolas Roeg nel 1976, ci guarda dallo spazio, e sprigiona ancora forza e vita attraverso la sua musica e la sua poesia.

Sebbene sia lontano più di centomila miglia, mi sento molto tranquillo, e penso che la mia astronave sappia dove andare. Dite a mia moglie che la amo tanto, lei lo sa”. Queste parole sono tratte da “Space Oddity”, uno dei capolavori di David Bowie, pubblicata nel luglio del 1969. Il brano racconta di un astronauta che sta per avvicinarsi alla luna e che, durante la famosa passeggiata spaziale, si trova spaesato, ma sereno, di fronte all’immensità che ha di fronte. Questa canzone fu pubblicata sulla scia degli avvenimenti che stavano accadendo in quel periodo: non solo il primo uomo sulla luna, ma anche l’uscita del film “2001: Odissea nello spazio” di Stanley Kubrick.

Amazon Prime