I mille volti di Marco di Noia

Oggi intervistiamo Marco di Noia che ci racconta del suo nuovo e ambizioso progetto.
Marco come mai hai accettato questo progetto?
È un progetto di un fascino incredibile che va al di là dei miei brani musicali, perché mira a rendere attuale la Commedia dell’Arte, con l’ideazione di nuove maschere carnevalesche, da parte degli studenti di design di tutta Italia. Un’avventura iniziata a Milano con la Scuola di Design del Politecnico e la maschera “Camillevolt”, ma che mi ha già portato ad incontrare gli studenti dell’Università di Palermo, al fine di creare con loro anche una maschera palermitana e una canzone a lei dedicata.

Leggi tutto

Tilde Ottomani: La signora è morta

Tilde Ottomani, autrice de La signora è morta, ci racconta del suo romazo d’esordio e dei suoi progetti

Tilde di cosa parla il tuo romanzo?

La signora è morta racconta la storia di Cassandra. Anzi, è Cassandra a raccontarla in prima persona, nel momento in cui si accorge di essere morta. Non capisce bene dove si trovi e non ricorda come sia successo, ma ne approfitta per chiacchierare con le lettrici della sua vita. La racconta in modo ironico e serio insieme. Parla del suo passato, della vita matrimoniale, dell’importanza dell’amore, delle amiche e del suo strano rapporto con il sesso.

Leggi tutto

Maria Grazia Nieli e “Il gusto agodolce dell’amore”

Maria Grazia Nieli, talentuosa autrice siciliana, ha da poco pubblicato il suo nuovo romanzo dal titolo Il gusto agodolce dell’amore con la casa editrice Blueberry.

Un testo particolare e affascinante già dal titolo.

Maria Grazia ci racconti del tuo nuovo romanzo?

Il mio romanzo parla di una storia d’amore ma non solo. Racconta uno spaccato di vita e di storia realmente accaduta non molto tempo fa. Siamo a Roccammare, un paese fittizio della Sicilia post bellica. Lucia, ragazza ribelle, si innamora di Totò, un orfano dal fascino mediterraneo. Ma il loro è un amore che faticherà parecchio prima di vedere il sole. Sono molti gli eventi e i personaggi che cercheranno di boicottare quest’amore. È un romanzo corale che, oltre a raccontare una love story d’altri tempi dal gusto agrodolce, mette in luce la vita quotidiana e le difficoltà dell’essere donna in una società patriarcale. Leggi tutto

Gaia Gentile: “Tanto Tutto Passa è più un inno alla pace interiore”

La cantante Gaia Gentile ci racconta del suo nuovo album
Gaia ci racconti del nuovo singolo?
È il mio nuovo “sfogo”, l’ho scritta un anno fa proprio con l’obiettivo di trasmettermi leggerezza e anche per trasmettere leggerezza a chi si sarebbe imbattuto in questa canzone. L’ottimismo è una della parole chiave del mio secondo disco, è inutile prendere le cose troppo sul serio, perché infondo Tanto Tutto Passa.
Come hai avuto l’ispirazione?
Ricordo di aver preso in mano l’ukulele con l’idea di scrivere qualcosa di liberatorio ed è nata: Tanto tutto passa. Per mia natura, per fortuna, non mi prendo mai troppo sul serio e nonostante i miei momenti di down, provo a mantenere un ottimismo di base che ho bisogno di trasmettere anche in musica. Non ne posso più delle lagne che si sentono in giro, c’è bisogno di entusiasmo in questa strana e meravigliosa storia che è la vita.
Tanto tutto passa, è un inno alla voglia di farcela?
Tanto Tutto Passa è più un inno alla pace interiore. Tante cose ci sfuggono dal controllo, ci fanno perdere la testa e ci fanno stare male. Quindi non resta che armarsi di entusiasmo e convincersi che infondo Tanto tutto passa e le sole che cose che restano, sono quelle essenziali di cui abbiamo veramente bisogno.
Come hai vissuto il lockdown?
Nel miglior dei modi. Sono tornata da Milano e ho passato la quarantena con la mia famiglia, i miei cani, il mio pianoforte e le mie colline. È stato proprio quel fermarmi e guardarmi intorno che mi ha dato la carica per capire cosa volevo fare ed è così che in due anni di pandemia ho pubblicato due album che mi rendono tanto felice.
Progetti estivi?
Finalmente il calendario, dopo due anni di limitazioni, comincia ad infoltirsi. Sicuramente molti nella mia amata Puglia. Oggi parto per un bellissimo concerto nell’ambasciata italiana a Tel Aviv e sicuramente è in programma una nuova tournée in Brasile… ma non sarà la sola all’estero.

Swch e il disagio musicale

Ci racconti il tuo singolo?
Reset è il primo tassello del concept “Meta-Morfosi”. Parla dell’incapacità di staccarci da un “Io” artificiale, di disgiungerci dal nostro “Sè digitale”, che inconsapevolmente spesso ci allontana dalla nostra strada, dal nostro “Io” più profondo. Quando ce le accorgiamo è il caso di premere il tasto Reset e ricominciare da capo.

Leggi tutto

Raoul Moretti e la sua arpa anticonvenzionale

Raoul ci racconti il tuo progetto?
Le intermittenze della vita è il quarto album solista con brani originali di mia composizione, per arpa elettrica e live electronics. Dopo il classico percorso di studi al Conservatorio e le esperienze orchestrali e cameristiche in ambito classico mi sono sempre più focalizzato ad un percorso di sperimentazione e ricerca sonora applicata all’arpa elettrica, attraverso l’uso dell’effettistica e l’utilizzo di tecniche non convenzionali, ampliando le possibilità timbriche ed espressive dello strumento, utilizzando a livello compositivo poi per realizzare quello che di fatto sono concept
album. Anche per questo lavoro l’arpa esprime me stesso e la mia cifra stilistica.

Leggi tutto