Laura, Lorenzo e il coniglio Rab

Intervistiamo Laura e Lorenzo, autori di una bellissima favola dal titolo Rab, storia di un coniglio non proprio comune.
Una favola per Natale. Come è nata questa idea?
Ciao, siamo Laura e Lorenzo, una coppia di Roma sposati da 10 anni e, da quando ci siamo conosciuti, non siamo mai stati soli. C’era Rab con noi. Questa storia e le altre che verranno si basano su fatti realmente accaduti o comunque immaginati soprattutto quando, in viaggio con Rab, abbiamo ambientato storie fantastiche con lui protagonista. Rab è più di un animale; con la sua intelligenza e simpatia ha allietato e insaporito le situazioni più ordinarie o straordinarie, rendendole singolari e divertenti.
Con le sue avventure rocambolesche, la sua comicità e la sua
imprevedibilità è divenuto un membro insostituibile della nostra famiglia e compagno prezioso e peloso per i nostri due figli. In questo racconto e quelli che verranno vogliamo introdurre grandi e piccoli al mondo meraviglioso di Rab, i suoi amici e l’immancabile Sunshine! Attraverso questa storia e altre ancora speriamo di condividere con i lettori piccoli e grandi la gioia e l’ilarità del mondo meraviglioso di Rab!
Un coniglietto che combina qualche guaio?
Rab ha sempre in mente qualcosa. Il suo amore per i fiori (soprattutto quelli freschi) lo ha messo nei guai più volte; ad esempio quando ha mangiato il bouquet di compleanno di Margaret, la signora inglese vicina di casa. Nel trambusto che ne è seguito, tazze e bustine di tè sono volate dappertutto e Rab è riuscito comunque ad apparire sul tavolo di cucina con una margherita in bocca. Ma di avventure ne ha avute tante, soprattutto in compagnia del suo fedele amico Sunshine! Addirittura un giorno li abbiamo visti sopra una siepe di alloro dove avanzavano come due macchine falciatrici mangiando le foglie più tenere e gustose.
Favola per piccini ma anche per grandi. Cosa volete dirci a riguardo?
La storia di Rab è una storia d’amore e d’amicizia capace di arrivare dritta al cuore dei piccoli lettori ma anche, perché no, dei loro genitori. Rab e il suo approccio alla vita, le situazioni che vive, il suo senso d’umorismo sottile ed intelligente fanno emozionare e divertire grandi e piccoli. Inoltre le avventure di Rab mostrano l’importanza dell’amicizia tra gli esseri umani e i fedelissimi amici a quattro zampe, che portano gioia ed allegria a tutta la famiglia! D’altronde, il divertimento non ha età!
Altri progetti?
Rab e le sue avventure ci tengono piuttosto occupati. Ovunque andiamo e qualunque cosa facciamo, riesce a trasformare anche una situazione ordinaria in qualcosa di speciale. Carta e penna alla mano rincorriamo Rab e raccontiamo la sua vita piena di situazione comiche. “Rab -Storia di un coniglio non proprio comune”
proseguirà con l’uscita di altri divertenti e magici episodi. Per esempio, nel prossimo racconto scopriremo le origini nobili di Rab (o meglio Lord Rabbington!) e lo vedremo alle prese con una battuta di caccia alla volpe organizzata
dall’estroso e simpaticissimo Duca di Morfolk, un nobile coniglio inglese. Viaggi spericolati in
treno, in gondola, in elicottero, a cavallo – ne vedremo di tutti i colori.

La macedonia di Sgrò

Sgrò, la vita è una macedonia?
Per me sì, perché è piena di frutta fresca e colorata, frutta fatta a pezzi, frutta che rimane sullo
stomaco, frutta piena di giorni del disordine e di interruzioni della pace, di porte chiuse che preservano ma escludono.
Come mai un album dal tono quotidiano?

Leggi tutto

Bruno Santoni e il suo natale

Bruno un nuovo progetto natalizio?
In realtà non è nato esattamente per Natale ma lo è diventato per DNA. Appena ci siamo accorti che
le registrazioni dei concerti dei miei ultimi quindici anni erano adatte per essere masterizzate e
pubblicate lo abbiamo fatto senza esitare e poi insieme al mio gruppo di lavoro, guardandoci negli
occhi, abbiamo detto: “ma questo è un CD Panettone!” e così è stato. Ora staremo a vedere cosa
succederà e nell’eventualità che questo possa diventare qualcosa di gradito per un vasto pubblico
allora per il prossimo Natale faremo uscire il volume II.

Leggi tutto

Renato Caruso: “Ho scelto il tempo come bene primario”

Intervista a Renato Caruso, musicista, scrittore, studioso.
Ecco le sue parole.
Renato un libro e un nuovo album. Tanti bei progetti. Dove trovi l’ispirazione?
È la mia doppia anima, sono cresciuto in una stanza piena di libri e strumenti. Mio padre insegna filosofia e suonava la chitarra per passione, quindi mi sono nutrito di tutto ciò.Di solito, quando scrivo, penso a qualcosa che mi è successo, bella o brutta non importa, ma se ho pensieri per la testa li trasferisco sullo strumento oppure
appunto qualcosa su miei editor digitali.
E, domanda più pratica. Dove trovi il tempo?

Leggi tutto

Laura Locatelli ovvero la moglie del Milanese Imbruttito. Ecco cosa ci racconta

Laura Locatelli sarà al cinema con il suo nuovo film dal titolo “Mollo tutto e apro un chiringuito”, con lei anche il Milanese Imbruttito.

Ecco cosa ci racconta.

Laura ci racconti di questo nuovo film?

“Mollo tutto e apro un chiringuito” è una frase ricorrente per chi vive immerso nella frenesia della metropoli. Si dice spesso ma poi chi lo fa davvero? Ecco, nel film diventa realtà per il Sig. Imbruttito che dopo una delusione lavorativa stenta a riprendersi, e quindi accetta la proposta di un amico di “fare business in infradito” vista mare. E che mare: è la splendida Sardegna lo scenario di questa avventura. Ovviamente le cose si rivelano un po’ diverse da quanto immaginava il Sig. Imbruttito. Io, ovvero sua moglie Laura, insieme a suo figlio, ovvero il “Nano”, lo aiuteremo a svoltare le sorti del chiringuito e di quello che sembrava tutto fuorché un buon affare.

Un lungometraggio con il Milanese imbruttito. Com’è stato?

Leggi tutto

Palmieri: “Mi piace quando l’arte restituisce un insegnamento”

Due chiacchiere con Lorenzo Palmieri che ci parla del suo nuovo album
Lorenzo cos’è per te l’arte?
Direi una via di indagine di sé, espressione e allo stesso tempo di servizio. Mi piace quando l’arte restituisce un insegnamento, una qualche scoperta. Mi annoia l’intrattenimento.
La vita di tutti i giorni può essere arte?
Penso proprio di sì. Credo si tratti di costruire una propria epica, un percorso che in fin dei conti può ben essere assimilato a un’opera.
Il tuo ultimo album parla della quotidianità?
Inevitabilmente secondo me. Sì, nel senso che tratta temi che ci riguardano tutti, l’amore, i sogni, essere o divenire se stessi, cercarsi, qualche volta trovarsi.
Cosa vuoi raccontare nello specifico?
Più che raccontare, fornisco forme di nutrimento. Mi piace pensare che un mio album contenga cibi e nutrimenti diversi, alcuni più utili in certi momenti, si tratta di capire di cosa si ha più bisogno. Per questo un mio album non ha un sapore univoco, ma piuttosto contiene colori, odori, suoni molto diversi tra loro.
Se vogliamo vederla dal punto di vista del racconto, direi il nostro essere simili e allo stesso tempo del tutto unici.
Altri progetti?
Vivo sempre dentro un progetto. Al momento sono preso dalla promozione di questo album, su alcuni progetti di design e sulla registrazione di un album sperimentale, in via di realizzazione, con un super gruppo internazionale Leggi tutto