2015 aprile | Gocce di spettacolo | Page 2

Monthly Archives: aprile 2015

Estathè Market Sound al Blue Note

ESTATHÈ MARKET SOUND, il festival di musica, divertimento e street food che si terrà nell’area dei Mercati Generali di Milano dal 1° maggio al 31 ottobre, e BLUE NOTE MILANO, lo storico jazz club unica emanazione europea del network internazionale Blue Note, annunciano l’inizio della loro collaborazione: un ulteriore tassello che arricchisce l’ampio palinsesto del festival ed un’occasione per gli amanti del jazz di godere, oltre che delle proposte del club milanese (aperto ininterrottamente per tutto il periodo di Expo), anche di un contesto outdoor ricco di musica ed eventi collaterali.

Il primo appuntamento annunciato è per il BLUE NOTE SUNDAY MUSIC VILLAGE: un ciclo di eventi che, a partire da domenica 10 maggio e con cadenza mensile, animerà per tutta la giornata l’area dei Mercati Generali.

Faenza, Primo Maggio per i diritti degli artisti emergenti

E’ ora che ci sia anche un Primo Maggio per i Diritti dei Musicisti e degli Artisti. Oggi la nuova musica conosce gravi difficolta’ economiche per poter emergere: la crisi, che ha ridotto la spesa per gli eventi dal vivo, la globalizzazione, che ha tolto risorse agli enti, alle aziende e alle famiglie, che tagliano le spese nel settore cultura e spettacolo, le innovazioni tecnologiche, che hanno drasticamente ridotto il mercato del disco fin verso il suo esaurimento, sono tutti elementi che impediscono la crescita di nuove leve della musica del nostro paese (e non solo).

Se a cio’ si aggiunge che sono necessari equi salari per i produttori dei contenuti da parte delle piattaforme on line, che trattengono gran parte delle risorse per se’, che serve una ripartizione sui diritti sempre piu’ analitica, digitale e trasparente a favore dei giovani e piccoli protagonisti della nuova filiera musicale, che serve una maggiore presenza sui media principali in radio e tv a tutela delle produzioni Made in Italy e degli esordienti, che serve un’Enpals più agile e attenta ai nuovi artisti, che si sommano, tutte queste cose, a tanti altri problemi ancora piu’ spicci, possiamo dire che ci troviamo di fronte ad un problema di grande portata: il rischio di vedere erodersi piano piano la ricca e vitale filiera dei contenuti culturali musicali dell’innovazione e della creatività giovanile del nostro paese che sembra non avere un futuro dal punto di vista economico visto il calo costante di investimenti e di non vedere rinnovata con la spinta che serve la nuova piattaforma musicale 2.0 del nostro paese causa anche il monopolio della distribuzione on line gestito da pochi marchi multinazionali mentre servirebbe con urgenza un motore di ricerca europeo, piattaforme europee e made in Italy capaci di contrastare tale concentrazione che rischia di fare sparire le culture regionali, come quelle dei paesi periferici nel business della musica, e le produzioni di nicchia alternative e innovative.

Fuoriclasse 3, cosa accadrà tra Michele e la prof?

Continua la fortunata scia di successo della professoressa Isa Passamaglia e della sua numerosa famiglia fatta di parenti e di studenti. La seconda puntata è stata molto seguita e ha iniziato a tessere la tela di una terza serie ricca di colpi di scena come gli amori giovanili di Michele, Dario e Aida senza parlare poi della professoressa di Michele nonchè ex moglie di Enzo.

La seconda puntata ha fatto conoscere meglio al pubblico anche Bea che ne continuerà a combinarne delle belle.

Vediamo cosa accadrà nella terza puntata di domenica tre maggio.

A luglio la prima manifestazione dedicata ai beni comuni

Il movimento internazionale per i beni comuni riparte dell’Italia con la prima manifestazione internazionale dedicata a questo tema: dal 9 al 12 luglio, infatti, la città di Chieri (Torino) ospiterà la prima edizione di AREA – FESTIVAL INTERNAZIONALE DEI BENI COMUNI, un luogo aperto per discutere, confrontarsi, divertirsi, condividere esperienze, tracciare linee e mappe, capire insieme quali, cosa e di chi sono i beni comuni.

Quattro giorni ricchi di incontri, ospiti italiani e internazionali, tavole rotonde, musica, teatro, arte e performance per interrogarsi sulle forme del vivere e del produrre in comune.

La città di Chieri, tra i colori caldi e accoglienti del paesaggio collinare su cui sorge, sarà teatro di molteplici iniziative dove, oltre a protagonisti del mondo scientifico e culturale, parteciperanno soprattutto attivisti dei movimenti sociali per i beni comuni di tutta Europa e associazioni locali che con le pratiche quotidiane interpretano, talvolta senza saperlo, la filosofia dei beni comuni.

Lucisano, domani al Vivavoce tour e venerdì al concertone

Domani YLENIA LUCISANO sarà in concerto al Pala Gallo di Catanzaro (come opening act della tappa calabrese del “VIVAVOCE Tour” di FRANCESCO DE GREGORI), mentre venerdì 1 maggio si esibirà sul palco del CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO (che si svolgerà come ogni anno in Piazza San Giovanni in Laterano a Roma).

Accompagnata da Richard Arduini (percussioni), Enrico Porazzi (chitarra) e Carlo Lucisano (basso), Ylenia proporrà a Catanzaro quattro brani, in apertura del concerto di De Gregori, e a Roma, sul palco del Concertone,  un brano in dialetto calabrese, tutti estratti dal suo disco d’esordio “Piccolo Universo”.

«Due eventi importanti che ho sognato tutta la vita si realizzeranno nell’arco di 24 ore – racconta Ylenia – aprirò il concerto dell’artista che amo di più, Francesco De Gregori, nella mia Calabria e canterò su uno dei palchi più importanti d’Italia, quello di Piazza San Giovanni in Laterano a Roma, cosa si può volere di più?».

Daniele Ronda sul palco di piazza San Giovanni

Il cantautore piacentino DANIELE RONDA e la sua band FOLKLUB, composta dai pilastri Sandro Allario (fisarmonica, pianoforte, organo hammond), Carlo Raviola (basso), e dalla new entry Pier Foschi (ex batterista di Jovanotti), saranno gli ambasciatori della musica World del nord Italia alla 25esima edizione del CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO (#concertoprimomaggio), che si svolgerà come ogni anno in Piazza San Giovanni in Laterano a Roma.

Daniele Ronda & Folklub porteranno sul palco (ore 15.50) quattro brani (estratti dal loro ultimo disco “La Rivoluzione” e dai precedenti “Daparte in folk” e “La sirena del Po”): il travolgenteLa birra e la musica”, la pizzica salentinaLe donne italiane” e due brani in dialetto emiliano-lombardo “L’avucat dal diavul” e, in duetto con Mimmo Cavallaro (leader dei calabresi TaranProject e altra voce autorevole del panorama World italiano), Inno alla diversità”, che anticipa il loro quarto disco, in lavorazione, e il cui video è visibile al link http://bit.ly/inno_alla_diversita. I due artisti, attraverso la musica e i loro diversi dialetti, rompono le barriere culturali tra nord e sud per fondersi in un unico ideale.

Amazon Prime